Citizen Science, Rosett@home e Foldit




Avete mai sentito parlare di Citizen Science?
E’ il nome con cui i media nordamericani trattano il nuovo fenomeno della scienza partecipata sul web, nella quale internauti anonimi mettono a disposizione il proprio tempo, il proprio pc ed il proprio entusiasmo per usufruire/giocare con una qualche applicazione software a contenuto scientifico disponibile sul web.

Tra i primi progetti di “citizen science“, fa la parte del leone proprio la bioinformatica: ben 2 software sono disponibili online (Rosetta@home e Foldit). Ma riportiamo cos’ha scritto Repubblica.it qualche giorno fa:

Da rete di computer a network di cervelli. Dalla stessa famiglia di software è nato anche Rosetta@home, un programma di calcolo distribuito per l’elaborazione della struttura tridimensionale delle proteine. Come riporta un recente articolo di Nature, è stato questo programma ad aver mostrato la via verso la “citizen science”. Il software, infatti, simulava il ripiegamento di una catena di amminoacidi sul monitor procedendo per tentativi, senza dare agli utenti la possibilità di intervenire. Con il tempo si è capito che il programma raggiungeva i risultati migliori combinando le funzionalità della macchina alla capacità, tipica degli esseri umani, di risolvere il puzzle per intuizione. Ecco allora che gli internauti sono diventati parte attiva del processo grazie a Foldit, un gioco online dove gli utenti competono, collaborano e creano strategie per la costruzione di proteine in 3D.

(l’articolo completo su Repubblica.it)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s